3 punti per migliorare le tue campagne AdWords - Nelson Ferrigno
11
post-template-default,single,single-post,postid-11,single-format-image,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

3 punti per migliorare le performance delle tue campagne AdWords

Scopri 3 punti per migliorare le performance delle tue campagne AdWords.

3 punti per migliorare le performance delle tue campagne AdWords

La scorsa settimana ti ho mostrato un caso pratico su come aumentare l’efficacia delle campagne AdWords. Ma ora immagina di aver già messo in pratica quelle informazioni: gli annunci sono scritti bene e atterrano su landing page ottimizzate. Eppure i risultati non sono quelli sperati! Cos’altro puoi fare? Comincia controllando 3 punti che miglioreranno le performance delle tue campagne AdWords!

 

1. Utilizza le parole chiave a corrispondenza inversa

È naturale iniziare a lavorare sulle campagne partendo dalle keywords. Tra termini generici e corrispondenze esatte, definiamo l’insieme di ricerche che innescheranno i nostri annunci. Spesso, però, notiamo che diversi click ricevuti provengono da query che non vorremmo assolutamente vedere. Ti mostro in questa immagine alcuni termini di ricerca che hanno attivato i miei annunci sulle attività di social media marketing.

 

 

Lo screenshot che ho estrapolato mostra termini di ricerca che c’entrano veramente poco con gli obiettivi della mia campagna e le parole chiave scelte. Ma possono essere collegati! Per risolvere questo problema, e risparmiare il budget sprecato in visualizzazioni o click inutili, si possono usare le parole chiave a corrispondenza inversa.

Queste parole chiave permettono di evitare associazioni di termini che non vogliamo incidano sulle nostre campagne. Ad esempio, io ho inserito parole come “corsi” o “lezione” per evitare che utenti interessati a imparare di più sul social media marketing vedessero i miei annunci. Infatti stavo proponendo pacchetti di gestione social! Però ho dimenticato la parola “scuola” e infatti eccola tra le ricerche che hanno attivato la pubblicità. Quell’errore mi è costato 1,68 €. Ora capisci perché devi prestare attenzione alle parole chiave a corrispondenza inversa?

 

2. Ottimizza la pianificazione degli annunci

Quando prepari una campagna devi decidere il momento in cui i tuoi annunci verranno pubblicati. In certi casi è abbastanza semplice scegliere: se vuoi ricevere telefonate, ad esempio, utilizzerai gli orari di apertura della tua azienda. In altri casi può non essere così facile decidere in quali giorni e orari pubblicare gli annunci. Quindi potresti definire fasce più larghe per un periodo di prova!

L’errore in cui si cade spesso è quello di dimenticarsi di rivedere la scelta dopo un ragionevole periodo di tempo. Eppure non tutti i giorni e gli orari portano ottimi risultati! Ti mostro i dati relativi alla pianificazione della campagna di cui ti ho parlato prima. Nota le differenze in termini di visualizzazioni e CTR tra le varie giornate.

 

 

Secondo i dati riportati, il giovedì sembra essere un’ottima giornata! Il CPC medio è tra i più bassi e, con con il numero minore di visualizzazioni, ha registrato più click e il miglior CTR di tutti. Statisticamente parlando, sarebbe consigliabile puntare maggiormente sul giovedì eliminando il martedì a causa dei cattivi risultati. In realtà la valutazione completa deve includere le conversioni! Nonostante i dati così favorevoli, giovedì potrebbe essere un giorno con minori conversioni rispetto ad altri.

Il modo migliore per ottimizzare la pianificazione è incrociare i dati relativi alle metriche che abbiamo appena visto e le conversioni per scoprire i giorni più performanti!

 

3. Considera i risultati per dispositivo

Su AdWords hai la possibilità di verificare le sorgenti di traffico. Puoi capire facilmente quanto ogni tipo di dispositivo incida sulla tua campagna sia come click che come costo. A seconda del tipo di business, potresti reputare più giusto investire cifre più alte o più basse per dispositivi mobili e desktop! La scelta dipende soprattutto da cosa stai pubblicizzando. Alcuni prodotti si vendono facilmente anche su smartphone, altri no.

Anche la user experience una volta atterrati dopo l’annuncio incide sui risultati. Se sei consapevole dei problemi della pagina di atterraggio nell’uso mobile, considera di diminuire o addirittura togliere il budget per l’advertising su quei dispositivi. Che il prodotto non sia adatto all’acquisto su quel supporto o che sia difficile navigare sulla pagina, il risultato resta lo stesso: nessuna conversione! Gestendo con attenzione la pubblicazione sulla base dei dispositivi puoi ottimizzare le tue campagne!

 

 

Eccoci alla fine di questo articolo. Ora devi solo mettere in pratica ciò che hai imparato! Sono sicuro che risparmierai il tuo budget evitando sprechi e migliorando le performance delle tue campagne AdWords!

SCARICA LA CHECKLIST SEO GRATUITA
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Scopri i 5 modi per migliorare l'indicizzazione degli articoli e delle pagine del tuo sito web! Scarica ora la tua checklist SEO gratuita.
We hate spam. Your email address will not be sold or shared with anyone else.
Tags:
,
No Comments

Post A Comment

4 × quattro =