Come creare un piano editoriale efficace - Nelson Ferrigno
49
post-template-default,single,single-post,postid-49,single-format-image,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Come creare un piano editoriale efficace

Creare un piano editoriale efficace è importante per la comunicazione online di un'azienda.

Come creare un piano editoriale efficace

Ti sei mai svegliato con la sensazione di dover pubblicare qualcosa sui tuoi canali ma non sapere cosa? Lo strumento migliore per essere sempre sicuro di cosa scrivere un determinato giorno è il piano editoriale. Ma che cosa è esattamente un piano editoriale, altrimenti detto “piano redazionale”? Come può esserti utile e come va progettato? Scopriamolo insieme!

 

La struttura del piano editoriale

In quanto strumento per organizzare le pubblicazioni nel tempo, il piano editoriale solitamente è strutturato come un calendario. Sulla base del tipo di attività che svolgi puoi decidere quanto andare avanti nella programmazione: c’è chi lo prepara ogni mese, chi ogni trimestre e chi ne redige una bozza con un anno di anticipo. In effetti, una visione ad ampio spettro di ricorrenze ed eventi importanti può essere utile per programmare specifiche pubblicazioni! Ciononostante, novità e avvenimenti inaspettati influenzeranno sicuramente il materiale, dunque sii flessibile.

Ci sono modi più o meno comodi per realizzare questo documento? Sono sicuro che una stringa di ricerca come “modello piano editoriale” o “social media marketing template” ti potrebbe aiutare. Troverai dei semplici file di Excel divisi in pagine, che rappresentano le settimane, con tabelle che riportano sezioni come giorni, orari e canali di comunicazione. Se vuoi creare da solo il tuo template, ricordati che hai bisogno di alcuni campi specifici: tra questi ci sono giorno, orario, piattaforma e post. Io solitamente nel campo sul post (se si tratta di un social) preparo anticipatamente il commento e gli hashtag; a volte inserisco anche dei link in una cella a parte. Ti consiglio di creare il formato più comodo per te, deve essere uno strumento che ti facilita il lavoro e non il contrario!

 

I canali di comunicazione

Avrai notato che ho parlato sia di blog che di social networks. Questi due canali di comunicazione viaggiano in parallelo: se pubblichi un articolo nella sezione Blog o News del tuo sito web, assicurati di creare un post sui tuoi social! Il piano editoriale contiene tutte queste pubblicazioni, ovvero quelle che fai sul tuo sito e quelle che riguardano i social.

Creare un piano redazionale significa decidere giorno e ora delle pubblicazioni. Per questo motivo di solito si utilizzano le informazioni relative ai momenti di maggiore affluenza su blog e social network per inserire determinati post. Una rapida ricerca sul web ti permetterà di trovare questi dati ma scoprirai presto una cosa molto divertente: sembrano essere alquanto opinabili! Ci sono molte ricerche sull’argomento e altrettante opinioni spacciate come verità assolute. Quindi, molto semplicemente, scegli una linea d’azione e testala; dopo un certo periodo di tempo provane un’altra e paragona le statistiche di interazione. Risultati alla mano, potrai scegliere i momenti migliori per raggiungere il tuo pubblico.

 

Idee e temi

Difficilmente la tua comunicazione online sarà lontana dalle tue attività. Questo non significa che tu non possa essere interessante per il pubblico se realizzi lamiere o sei un meccanico! Qualunque sia il tuo settore, sfrutta le tue competenze e le novità per catturare l’attenzione dei tuoi clienti potenziali e fidelizzati. Sviluppa un piano editoriale equilibrato, che contenga in massima parte informazioni utili e solo qualche rimando commerciale alla tua azienda. Ricordati che i social networks sono nati come oggetto di svago e gli utenti li intendono principalmente in questo modo. Se annoi il tuo pubblico con continua pubblicità, presto perderai visitatori e visibilità; al contrario, informazioni e novità utili sono sempre apprezzate e aumentano l’interesse.

Il piano redazionale ti viene in aiuto perché ti permette di organizzare i periodi di pubblicazione secondo temi specifici. Potresti creare rubriche a cadenza bisettimanale per il tuo blog o decidere che ogni lunedì c’è un post di Instagram sulla colazione. Le possibilità sono infinite, devi solo decidere cosa è adatto alla tua linea di comunicazione! La continuità è fondamentale sul web, quindi concentrati sull’essere consistente nella cadenza di pubblicazione.

 

La voce giusta per ogni social network

Partendo dal presupposto che dovresti aver deciso in via preliminare il “tono di voce” della tua comunicazione, ogni piattaforma ha il suo stile. Non parlo solo dell’effetto che ha il numero di caratteri sui post che scrivi: intendo dire che ogni social network ha un certo tipo di utenti che si aspettano un preciso modo di comunicare. Qualche esempio? Immagina di navigare su Facebook e trovare la pagina ufficiale italiana di un brand di orologi di lusso. Anche se il potenziale acquirente deve avere a disposizione almeno 5000 euro per acquistare un prodotto, ti sembrerebbero sensati dei post scritti con la forma di cortesia “Lei”? Direi proprio di no! In effetti, in generale il web non gradisce un approccio troppo formale. Ma prendiamo ad esempio LinkedIn, frequentato principalmente da professionisti: anche se i formalismi continuano a essere inappropriati, linguaggio e contenuti dovrebbero essere più ricercati.

Sono convinto che scrivere anticipatamente il testo dei post nel piano editoriale (quando possibile) aiuti a mantenere la continuità espressiva. Questo perché è un tipo di programmazione più lucida, fatta a tavolino, e quindi solitamente più efficace. È meglio valutare in anticipo anche le call to action per farle corrispondere al tipo di social: spingere le persone a commentare su Instagram è diverso dal chiedere un Like su Facebook o un Retweet su Twitter. La chiave per una buona comunicazione online è trovare il giusto approccio per ogni canale così da aumentare l’engagement dei diversi tipi di pubblico!

 

 

Programmare le pubblicazioni

Se il tuo lavoro non è esclusivamente seguire i tuoi canali di comunicazione, difficilmente riuscirai sempre a pubblicare al momento giusto. Questo se lavori manualmente! Per nostra fortuna, diversi canali permettono di programmare le pubblicazioni scegliendo giorni e orari. Ad esempio, puoi scrivere un articolo sul tuo blog in WordPress e programmare la sua uscita quando preferisci. Anche Facebook ti permette di programmare anticipatamente tutti i post che vuoi! Però non è così per tutti i social networks. Come puoi risolvere questo problema?

Puoi utilizzare delle piattaforme esterne che ti permettono di decidere anticipatamente cosa pubblicare e su quali social network. Solitamente hanno sia piani gratuiti che a pagamento, a seconda di quanti account vuoi gestire contemporaneamente. Io utilizzo Hootsuite, uno strumento secondo me ottimo per il social media marketing! Al suo interno ci sono sezioni non solo legate alla programmazione ma anche alle statistiche e all’interazione sui diversi social. Ti consiglio di dare un’occhiata al piano gratuito per iniziare!

 

 

Sei pronto a creare il tuo piano editoriale? Sono certo che con questi consigli sarai in grado di programmare la tua comunicazione online nel modo migliore! Se hai bisogno di consigli o vuoi parlare della tua esperienza, scrivi nei commenti o contattami direttamente.

Alla prossima e buon social media marketing!

SCARICA LA CHECKLIST SEO GRATUITA
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Scopri i 5 modi per migliorare l'indicizzazione degli articoli e delle pagine del tuo sito web! Scarica ora la tua checklist SEO gratuita.
We hate spam. Your email address will not be sold or shared with anyone else.
No Comments

Post A Comment

sei + 19 =